Funghi bianchi e neri del latte: cosa fare con i funghi dopo la raccolta, l'ammollo e la salatura

I funghi al latte sono uno dei corpi fruttiferi più comuni in Russia. I raccoglitori di funghi esperti nella raccolta di questi funghi concordano sul fatto che sono deliziosi e aromatici. Naturalmente, raccogliere un cesto pieno di doni della foresta è un evento gioioso ed emozionante, ma ogni raccolta di funghi rappresenta un compito difficile per tutte le casalinghe. Quindi, devi prendere una decisione su cosa fare con i funghi del latte dopo la raccolta?

Prima di tutto, devi ricordare che i funghi del latte hanno una caratteristica spiacevole: l'amarezza. Il succo di latte che viene secreto da questi funghi, se lavorato in modo improprio o insufficiente, può rovinare l'intero piatto. Tuttavia, puoi sbarazzartene: per questo, i corpi fruttiferi devono essere accuratamente puliti da sporco e altri detriti aderenti. Quindi devono essere immersi per diversi giorni. Ma non è tutto: cosa fare con i funghi porcini dopo l'ammollo? Ogni cacciatore di funghi esperto sa che anche un processo così lungo non è una garanzia di completa eliminazione dell'amarezza. Per questo è necessario eseguire ancora una fase: il trattamento termico. Quando tutte le procedure con la lavorazione preliminare sono state eseguite, puoi pianificare e decidere in sicurezza cosa fare con i funghi del latte.

Cosa fare con i funghi bianchi al latte dopo l'ammollo: deliziosa salatura

Il nodulo bianco è la specie più popolare tra i suoi rappresentanti. Sono molto aromatici e gustosi e inoltre non sono difficili da preparare. L'unica cosa che può dare fastidio alla padrona di casa è la loro preparazione. Tuttavia, non risparmiando abbastanza tempo e fatica su questo processo, il piatto pronto di funghi al latte conquisterà anche i buongustai più esigenti.

Cosa fare con i funghi bianchi al latte subito dopo la raccolta? Come già notato, prima devono essere puliti da detriti e foglie aderenti. Per fare questo, usa una normale spugna da cucina asciutta o un coltello. Dopo aver rimosso tutto lo sporco visibile, mettere i funghi in acqua salata e lasciar riposare per 2 giorni. Ma non dimenticare di cambiare il liquido almeno 3 volte al giorno, questo impedirà al prodotto di deteriorarsi e inacidirsi. Quindi scegli un metodo di cottura: bollire o sbollentare. La scelta dipenderà solitamente dal metodo di salatura: caldo o freddo. Quest'ultimo non implica l'ebollizione preliminare, il che significa che è necessario utilizzare lo sbiancamento. Tuttavia, se si sceglie il metodo di salatura a freddo, il tempo di ammollo dovrebbe essere esteso a 4 giorni.

E cosa si può fare con i funghi dopo la preparazione iniziale? Come già notato, possono essere deliziosamente salati. Oltre agli stessi corpi fruttiferi, per questo processo viene preso il sale (non iodato), così come le spezie e le erbe preferite: chiodi di garofano, aglio, rafano, una miscela di vari peperoni, cannella, noce moscata, aneto fresco o essiccato, cipolle, ecc. Tradizionalmente, per 1 kg di funghi, si dovrebbero prendere 40-50 g di sale.

  • Il prodotto principale è disposto a strati in un contenitore di vetro, legno, ceramica o smalto, alternato a sale e altre spezie.
  • Non sarà superfluo avere foglie fresche di ribes, ciliegie, uva o rovere sul fondo dei piatti. Secernono sostanze che rendono il corpo del frutto sodo e croccante.
  • Dopodiché, il contenitore viene coperto con qualsiasi piano, sia esso un coperchio o un piatto capovolto, e un carico viene posizionato sopra.
  • Vengono portati in una stanza fresca per 30-50 giorni, ma allo stesso tempo monitorano costantemente che la salamoia isolata dai funghi sia per i bulbi oculari. Altrimenti, puoi aggiungere acqua bollita fredda.

Cosa fare con i funghi neri al latte: ricetta di fermentazione

Il fungo nero è anche un fungo molto popolare, tuttavia, devi stare più attento con la sua lavorazione primaria.Quindi cosa fare con i funghi di latte nero dopo la raccolta? Come nella versione precedente, vanno preparati: sbucciare la pellicola da ogni capsula, immergere per almeno 5 giorni, bollire o sbollentare se si sceglie il metodo di salatura a freddo. In altri casi, i funghi neri del latte devono essere bolliti 3 volte per 10-15 minuti, aggiungendo all'acqua un po 'di sale e acido citrico (per preservare il colore).

Ci sono molte ricette che mostrano cosa fare con i funghi al latte. Oltre alla salatura, possono essere fermentate con cavolo bianco. I funghi neri al latte in salamoia sono un antipasto molto gustoso e salutare che avrà il suo giusto posto anche su una tavola festiva.

  • Unire il cavolo tritato con le carote, grattugiate su una grattugia grossa.
  • Mettere a strati in un barattolo con funghi bolliti e pepe nero in grani.
  • Versare con una soluzione tiepida di acqua con l'aggiunta di sale e zucchero (per 1 litro d'acqua è necessario prendere 1 cucchiaio. L. Sale e 2 cucchiai. L. Zucchero).
  • Tamponare bene e mettere in un luogo caldo per 2-3 giorni.
  • Forare il pezzo con un lungo bastone di legno in modo che le bolle di gas fuoriescano.
  • Quando la salamoia diventa trasparente, il processo di fermentazione può essere considerato completo. Quindi il pezzo può essere portato nel seminterrato o posto in frigorifero.

Cosa fare con i funghi di latte secco dopo la raccolta, ad eccezione della salatura e della fermentazione?

C'è anche un fungo secco: cosa fare con questa specie dopo la raccolta? Risulta che contiene molta meno amarezza dei funghi neri del latte, quindi, dopo la pulizia, è sufficiente immergerlo per un massimo di 36 ore, dopodiché segue l'ebollizione in acqua salata per 25 minuti.

Cosa puoi fare con i funghi al latte, tranne che per il decapaggio e il decapaggio? Molte persone chiamano il decapaggio un metodo di elaborazione molto popolare. È facile come sgusciare le pere eseguirlo e lo spuntino stesso diventa pronto da mangiare in 10-14 giorni.

  • In 1 litro d'acqua unire 1 cucchiaio. l. sale (senza cima) e 1,5 cucchiai. l. Sahara.
  • Mettere a fuoco e aggiungere 2 gemme di chiodi di garofano, 3 foglie di alloro, qualche spicchio d'aglio tritato e 10-12 grani di pepe nero.
  • Portare a ebollizione la marinata, aggiungere 4-5 cucchiai. l. 9% di aceto e immergere i funghi preparati, far bollire per 5 minuti.
  • Distribuire i corpi fruttiferi insieme alla marinata in barattoli sterilizzati e arrotolare.
  • Dopo il raffreddamento, vengono portati nel seminterrato o in cantina.

Cos'altro puoi fare con i funghi per l'inverno? Possono essere fritti in una grande quantità di olio vegetale o grasso e quindi arrotolati in barattoli sterilizzati. Quindi, in inverno, avrai sempre a portata di mano uno spuntino già pronto, che devi solo riscaldare e aggiungere al tuo piatto preferito.

Inoltre, i funghi del latte possono essere congelati, ma prima devono essere bolliti accuratamente e quindi lasciati scolare bene dal liquido in eccesso. Quindi distribuire in contenitori porzionati o sacchetti di plastica e inviare al congelatore fino a quando non viene richiamato. Importante: i funghi del latte non possono essere ricongelati, quindi, mettere tanti funghi in un contenitore quanti sono necessari per preparare un piatto.

Cosa puoi fare con i funghi del latte dopo la salatura per l'inverno?

E cosa fare con i funghi del latte non solo per l'inverno? C'è anche una vasta selezione per ogni hostess. Ad esempio, questi funghi fanno una deliziosa zuppa. Possono anche essere fritti con patate o panna acida, julienne o caviale per il ripieno dell'impasto. I funghi porcini fanno ottimi patè e salse. Ma un'attenzione particolare è rivolta ai piatti a base di funghi di latte salati.

Cosa si può fare con i funghi al latte dopo la salatura? L'opzione più comune è la seguente: i funghi vengono messi a bagno dal sale per circa 2 ore, lasciati scolare e quindi conditi con olio vegetale, aceto, verde o cipolle. Puoi aggiungere aneto fresco o prezzemolo.

Molte casalinghe combinano questi funghi con le carote coreane e ottengono uno spuntino eccellente con un bicchiere di quaranta gradi.

Inoltre, i funghi di latte salati, dopo averli messi a bagno dal sale, vengono tagliati a pezzi e aggiunti a varie insalate, conditi con maionese o panna acida.Si sposano bene con pollo, verdure fresche, bastoncini di granchio, legumi, uova sode.

Cosa puoi fare con i funghi al latte salato e una ricetta per il caviale dalle gambe

Cos'altro puoi fare con i funghi al latte salato? Si scopre che possono essere fritti con cipolle e patate e persino fare un delizioso spuntino francese - julienne.

Molte casalinghe mettono in salamoia solo i cappucci dei corpi fruttiferi e rimuovono le gambe. A questo proposito, sorge la domanda: cosa puoi fare con le gambe dei funghi del latte? Ad esempio, puoi preparare un delizioso caviale.

Per fare questo, macina le gambe bollite in un tritacarne. E poi, aggiungendo verdure tritate e spezie a piacere, cuocere a fuoco lento la massa per 30 minuti.

Cosa fare se le lattine con i funghi del latte sono esplose subito dopo la conservazione?

Ci sono situazioni in cui i coperchi vengono strappati su spazi vuoti con funghi, perché sta accadendo? Ci sono diverse ragioni per questo:

  • scarsa elaborazione primaria dei corpi fruttiferi, che include la pulizia, l'ammollo e l'ebollizione;
  • scarsa sterilizzazione delle lattine, nonché cuciture improprie, a seguito delle quali l'aria può penetrare e la lattina si gonfierà;
  • inosservanza della ricetta esatta, di solito ciò è dovuto a una quantità insufficiente di aceto nel pezzo;
  • inosservanza delle regole per la conservazione di lattine con spazi vuoti.

Ma cosa succederebbe se le lattine con i funghi del latte fossero esplose? È meglio buttarli via e non mettere in pericolo la tua salute. Tuttavia, se una situazione così spiacevole si verifica solo poche ore dopo la conservazione, il pezzo può essere salvato. Sterilizzare le lattine nuove, far bollire bene il contenuto, quindi arrotolare di nuovo e lasciare raffreddare. Porta in cantina o conserva in frigorifero.

messaggi recenti