Funghi ad agosto nella regione di Mosca: una descrizione della specie

Più l'autunno è vicino, più i funghi compaiono nel bosco: già in agosto i raccoglitori di funghi tornano dalla "caccia tranquilla" con le ceste piene dei tanto amati porcini, porcini e porcini. Agosto è ricco di russula e onde. Coloro che sono esperti in regali forestali raccolgono funghi polacchi, pepe e castagne, euforbia, scarabei stercorari, ragnatele e frullati.

La natura selvaggiamente invasa sotto forma di alberi, arbusti, muschi dà molte sostanze utili ai funghi. A loro volta, molti funghi contribuiscono all'ulteriore prosperità della natura. Questa è la loro simbiosi. Sebbene ci siano altri esempi in cui il fungo esca contribuisce alla distruzione di alberi e arbusti. Tuttavia, gli scienziati hanno stabilito che l'iniziale è il processo del loro indebolimento, e solo allora - la crescita di funghi su di essi. Questa è la legge di tutta la natura. Piante, funghi, fauna cambiano e si adattano alle condizioni esterne, e i deboli e i malati muoiono rapidamente, spesso a spese di altre specie.

In questa pagina puoi trovare una descrizione dei tipi più popolari di funghi che crescono nella regione di Mosca ad agosto.

Funghi bianchi

Fungo bianco, forma di quercia (Boletus edulis, f. Quercicola).

Habitat: nei sobborghi i funghi porcini, apparentemente invisibili, crescono singolarmente ea gruppi in boschi misti con querce.

Stagione: da fine maggio a inizio ottobre.

Il cappello ha un diametro di 5-20 cm, nei funghi giovani è convesso, a forma di cuscino, quindi più piatto, liscio o leggermente rugoso. Con tempo piovoso, il cappello è viscido, con tempo asciutto è lucido. Una caratteristica distintiva della specie è il caratteristico motivo reticolare sulla gamba con sfumature bruno-rossastre. Il colore del cappuccio è molto variabile, ma più spesso di toni chiari: caffè, marrone, marrone grigiastro, ma anche marrone. Il cappello è carnoso e denso.

La gamba ha un modello reticolare distinto, spesso di colore brunastro. L'altezza del fungo è di 6-20 cm, lo spessore da 2 a 6 cm La zampa è allargata o clavata nella parte inferiore, e più intensamente colorata nella parte superiore.

La polpa è densa, bianca, leggermente spugnosa a maturità, giallastra sotto lo strato tubolare. Il sapore è dolce e ha un gradevole odore di funghi.

L'imenoforo è libero, dentellato, costituito da tubi lunghi 1-2,5 cm, bianchi, poi gialli, con piccoli pori arrotondati dei tubi.

Variabilità: il colore del cappello varia dal biancastro-giallastro al marrone chiaro, il gambo nella parte superiore può avere un colore dal giallo chiaro al marrone chiaro.

Non ci sono controparti velenose. La dimensione e il colore del cappello sono simili ai funghi gallinacei non commestibili (Tylopilus felleus), in cui la polpa ha una sfumatura rosata e un sapore amaro bollente.

Metodi di cottura: essiccare, marinare, inscatolare, preparare zuppe.

Commestibile, 1a categoria.

Fungo bianco a forma di pino (Boletus edulis, f. Pinicola).

Habitat: singolarmente e in gruppi in conifere e misto a pinete.

Stagione: da inizio luglio a metà ottobre.

Il cappello ha un diametro di 5-25 cm, nei funghi giovani è convesso, a forma di cuscino, quindi più piatto, liscio o leggermente rugoso. In caso di pioggia, il cappuccio è viscido, asciutto, opaco. È di colore scuro: bruno-rossastro, bruno-rossastro, marrone scuro, a volte con una sfumatura violacea, in estate nelle foreste aride è più chiaro, spesso rosa lungo il bordo, nei funghi giovani al biancastro. È spesso rosa o più chiaro ai bordi. Sono presenti striature chiare sul cappello. La pelle non è sfoderabile.

La gamba è di media lunghezza, alta 5-8 cm, spessa 1,54 cm, fortemente ispessita nella parte inferiore. Una caratteristica distintiva della specie è il motivo sulla gamba - con striature o strisce, di colore marrone chiaro, nella parte superiore il colore è più intenso.

Polpa. La seconda caratteristica distintiva è il colore rosso-brunastro della polpa sotto la buccia nei funghi maturi. Non ha sapore, ma ha un gradevole odore di funghi.La polpa non è soda come in altre forme di funghi porcini.

L'imenoforo è libero, dentellato, costituito da tubi lunghi 1-2,5 cm, bianchi, poi gialli, con piccoli pori arrotondati dei tubi.

Variabilità: il colore del cappello varia dal marrone scuro con una sfumatura olivastra al marrone chiaro.

Non ci sono controparti velenose. Simili sono i funghi biliari non commestibili (Tylopilus felleus), che hanno una polpa rosata, un odore sgradevole e un sapore molto amaro.

Metodi di cottura: essiccare, marinare, inscatolare, preparare zuppe.

Commestibile, 1a categoria.

Boletus

Funghi porcini affumicati (Leccinum palustre).

Habitat: foreste umide decidue e miste, che crescono in gruppi.

Stagione: Luglio - settembre.

Cappello carnoso di 3-8 cm di diametro. La forma del cappuccio è semisferica, quindi a forma di cuscino, liscia. La superficie del cappuccio è leggermente fibrosa, secca, mucosa in caso di pioggia. Una caratteristica distintiva della specie è il colore grigio-marrone del cappello nei giovani esemplari e successivamente nel grigio fumo.

Gamba 6-12 cm, spessore 7-18 mm, cilindrica. Nei funghi giovani, la coscia è solida e forte, e nei funghi maturi è fibrosa, leggermente ispessita nella parte inferiore. La seconda caratteristica distintiva della specie è il colore delle squame sulla gamba: non nero, come la maggior parte dei porcini, ma grigio chiaro.

La polpa è dapprima densa, poi sciolta, acquista macchie blu-verdastre sul taglio, ha un gradevole odore di fungo debole.

Variabilità: il colore del cappuccio varia dal grigio-marrone al grigio. Man mano che il fungo matura, la pelle del cappello può restringersi, esponendo i tubuli circostanti.

Non ci sono controparti velenose.

Specie commestibili simili. Il porcino affumicato nella forma, e talvolta nel colore, è simile al porcino nero (Leccinum scabrum, f. Oxydabile), che differisce non per la luce, ma per le scaglie nere sulla gamba.

Metodi di cottura: essiccazione, decapaggio, inscatolamento, frittura.

Commestibile, 2a categoria.

Boletus varicolor (Leccinum varicolor).

Habitat: betulle e boschi misti, singolarmente o in gruppo.

Stagione: da fine giugno a fine ottobre.

Cappello carnoso di 5-15 cm di diametro. La forma del cappuccio è semisferica, quindi a cuscino, liscia con una superficie leggermente fibrosa. Una caratteristica distintiva della specie sono macchie chiare e scure su un berretto marrone sporco o bruno rossastro. Spesso la pelle pende dal bordo del cappuccio.

Gambo 7-20 cm, sottile e lungo, cilindrico, leggermente ispessito verso il basso. I funghi giovani hanno un fondo leggermente ispessito. La gamba è bianca con squame, quasi nere nei funghi maturi. Più vicino alla base del cappello, ci sono meno squame e il loro colore è più chiaro con una sfumatura blu pallida o verdastra. Il tessuto della gamba negli esemplari più vecchi diventa fibroso e duro. Spessore - 1,5-3 cm.

La polpa è densa, biancastra o sciolta, leggermente acquosa. Sul taglio, il colore cambia leggermente in un colore rosa-turchese con un buon odore e sapore.

I tubuli e i pori sono di colore da bianco a crema e si scuriscono con l'età.

Variabilità: il colore del cappello varia dal marrone chiaro al marrone scuro al grigio. Il colore delle macchie è molto variabile: dal biancastro al quasi nero. Man mano che il fungo matura, la pelle del cappello può restringersi, esponendo i tubuli circostanti. Le squame sul peduncolo sono prima grigie, poi quasi nere.

Non ci sono controparti velenose. I funghi biliari (Tylopilus felleus) sono un po 'simili, hanno una polpa con una sfumatura rosata, hanno un odore sgradevole e un sapore molto amaro.

Metodi di cottura: essiccazione, decapaggio, inscatolamento, frittura.

Commestibile, 2a categoria.

Funghi porcini neri (Leccinum scabrum, f. Oxydabile).

Habitat: betulle umide e foreste miste, che crescono singolarmente o in gruppi.

Stagione: Luglio - settembre.

Cappello carnoso 5-10 cm di diametro. La forma del cappuccio è semisferica, quindi a cuscino, liscia. La superficie del cappuccio è leggermente fibrosa, secca, mucosa in caso di pioggia. Una caratteristica distintiva della specie è il colore nero, marrone-nero, grigio-marrone. C'è un motivo maculato indistinto sul cappuccio.

La gamba è di 6-12 cm, sottile e lunga, cilindrica. I funghi giovani hanno un fondo leggermente ispessito. La gamba è bianca con piccole squame bruno-nere, quasi nere nei funghi maturi, e bianche alla base. Il tessuto della gamba negli esemplari più vecchi diventa fibroso e duro. Spessore - 1-2,5 cm.

La polpa è densa, non cambia colore sul taglio, le mutande sono grigie. La polpa è di un bianco abbagliante, ma si scurisce al taglio.

I tubuli sono bruno-grigiastri, 1,5-3 cm, con dentelli.

Variabilità: il colore del cappuccio varia dal grigio-marrone al nero. Man mano che il fungo matura, la pelle del cappello può restringersi, esponendo i tubuli circostanti. Le squame sul peduncolo sono prima grigie, poi quasi nere.

Non ci sono controparti velenose.

Metodi di cottura: essiccazione, decapaggio, inscatolamento, frittura.

Commestibile, 2a categoria.

Butterlets

I Butterlets, a differenza dei porcini, non amano le foreste fitte, ma il più delle volte crescono su pendii illuminati o in radure luminose vicino alla cintura forestale.

Ci sono molte bolle ad agosto, ma non tutti gli anni. Il picco di raccolta si osserva in due o tre anni.

Proprietà medicinali:

  • ha attività antibiotica;
  • contiene una speciale sostanza resinosa che allevia il mal di testa acuto (aracnoidite cronica) e allevia la condizione dei pazienti che soffrono di gotta, accelera l'escrezione di acido urico.

Piatto di burro comune (Suillus luteus).

Habitat: giovani pinete e boschi misti, lungo i margini delle radure, ai margini, lungo le strade forestali.

Stagione: Maggio - inizio novembre

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, a volte fino a 13 cm, emisferico, poi arrotondato-convesso e poi piatto, liscio. Colore: marrone, marrone scuro, marrone cioccolato, meno spesso giallo-marrone e marrone-oliva. In caso di pioggia, il cappello è coperto di muco, con tempo asciutto è lucido, setoso. Nei funghi giovani, i bordi del cappello sono collegati allo stelo da una pellicola densa, che si rompe man mano che cresce e forma un anello attorno allo stelo. La pelle può essere facilmente rimossa.

Gamba alta 3-10 cm, spessa 1-2,5 cm, cilindrica, biancastra o leggermente giallastra, successivamente brunastra sopra l'anello. L'anello è prima bianco, poi marrone o viola sporco.

La polpa è morbida, bianca, di colore giallo chiaro, non cambia colore alla rottura, con odore e sapore deboli.

L'imenoforo è aderente, costituito da tubuli gialli lunghi 0,6-1,4 cm. I pori dei tubuli sono piccoli, arrotondati, inizialmente biancastri, poi gialli. Polvere di spore, giallo ruggine.

Specie simili. L'oliatore comune è simile all'oliatore granulare commestibile (Suillus granulatus), che ha una gamma di colori simile del cappello e del gambo, ma non ha un anello sul gambo e ha una granulosità.

Non ci sono controparti velenose. I funghi biliari (Tylopilus felleus) sono un po 'simili, hanno una polpa rosata, un cappello marrone, sono molto amari.

Metodi di cottura: essiccazione, decapaggio, cottura, salatura.

Commestibile, 2a categoria.

Portaburro granulare (Suillus granulatus).

Habitat: cresce nelle foreste di conifere e latifoglie, soprattutto sotto i pini.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello ha un diametro di 3-9 cm, carnoso ed elastico, appiccicoso, marrone ruggine lucido o giallo-arancio. La forma del cappello è dapprima emisferica e conica, poi convessa e poi quasi prostrata e anche con bordi ricurvi verso l'alto. La pelle è liscia e si stacca facilmente dal cappello.

Il fusto è denso, cilindrico, leggermente ricurvo, giallastro-biancastro, farinoso-granulare o bruno-rossastro chiaro, alto 4-7 cm, spesso 0,8-2 cm, con macchie gialle sulla superficie. Nella parte alta la vista è a grana fine.

La polpa è tenera, morbida, non cambia colore alla rottura, di colore giallo chiaro con odore di nocciola, sapore dolciastro.

I tubuli sono aderenti, corti 0,3-1,2 cm, di colore giallo chiaro o marrone chiaro. I pori sono piccoli, con spigoli vivi, emettono goccioline di succo lattiginoso che, una volta asciutto, forma una sorta di fioritura brunastra.

Le spore sono marrone chiaro.

Variabilità. Il colore del cappello varia da ocra e giallo crema a marrone giallastro e marrone ruggine. Colore delle gambe: dal giallo chiaro al marrone chiaro.La superficie granulare della gamba è prima giallo crema, poi brunastra. I pori sono inizialmente giallo pallido, poi giallastri. I tubuli possono essere giallastri e verdastri.

Non ci sono controparti velenose. I funghi biliari (Tylopilus felleus) sono un po 'simili, con una polpa rosata e un cappello marrone, sono molto amari.

Metodi di cottura: essiccazione, decapaggio, cottura, salatura.

Commestibile, 2a categoria.

Oliatore rosso rossastro (Suillus tridentinus).

Habitat: boschi di conifere, presenti singolarmente e in gruppi. L'oliatore rosso-rossastro è incluso nei Red Data Books regionali delle regioni centrali della Russia. Stato - 4I (tipo con stato non definito). Più comune nella Siberia occidentale.

Stagione: fine maggio - inizio novembre.

Un cappello con un diametro di 4-12 cm, può essere trovato fino a 15. Una caratteristica distintiva della specie è un cappello giallo-arancio con una forma convessa simile a un cuscino. I funghi maturi sono quasi piatti, rosso-rossastro. La superficie è ricoperta da dense squame fibrose rosso-arancio e sembra screpolata con una rete leggera. Lungo i bordi si trovano resti di un copriletto bianco.

Gamba di 4-10 cm, giallo-arancio, può assottigliarsi leggermente sopra e sotto. Potrebbe esserci un anello nella parte superiore della gamba, ma potrebbe non essere visibile. Lo spessore della gamba è di 1-2,5 cm Il colore della gamba è uguale a quello del cappuccio, o leggermente più chiaro.

La polpa è densa, giallo limone o giallastra, con un debole odore di fungo, diventa rossa alla rottura.

Le spore sono di colore giallo oliva. L'imenoforo è aderente, discendente, costituito da tubi lunghi 0,81,2 cm, giallastri.

Variabilità. Il colore del cappello durante la crescita del fungo cambia da arancione chiaro a rosso-rossastro e persino rosso-brunastro.

Non ci sono controparti velenose.

I funghi biliari (Tylopilus felleus) sono un po 'simili, hanno una polpa rosata, un cappello marrone, sono molto amari.

Metodi di cottura: essiccazione, decapaggio, cottura, salatura.

Commestibile, 2a categoria.

Russula

Molte specie di russula crescono ad agosto. Tra questi ci sono russuli medicinali, come i russuli di palude, che crescono in luoghi umidi.

Marsh russula possiede proprietà antibiotiche contro agenti patogeni di varie malattie - stafilococchi e contro batteri nocivi - pullularia. Le tinture a base di questi funghi hanno proprietà antibatteriche e sono in grado di sopprimere la riproduzione degli stafilococchi.

Marsh russula (Russula paludosa).

Habitat: nelle foreste umide di conifere o miste, nelle paludi.

Stagione: Giugno - ottobre.

Il cappello ha un diametro di 4-12 cm, talvolta fino a 18. La forma è prima emisferica convessa, poi di colore rossastro piatto-depresso. Una caratteristica distintiva della specie è un cappello rosato-rossastro leggermente depresso con macchie giallo-marroni al centro del cappello. La superficie è appiccicosa in caso di pioggia. La pelle è liscia, lucida, a volte ricoperta da piccole crepe.

Gamba: 4-12 cm di lunghezza, 7-22 mm di spessore. La forma della gamba è cilindrica o leggermente clavata, bianca con una sfumatura rosata leggermente lucida. Nei vecchi funghi, la gamba diventa grigiastro.

Le placche sono frequenti, larghe, con bordi leggermente seghettati e rossastri. Il colore dei piatti è prima bianco, poi giallo crema, oro chiaro. Le placche alla gamba sono biforcate.

La polpa è densa, bianca, fragile, dal sapore dolciastro. Solo nei funghi giovani i piatti sono leggermente pungenti.

Le spore sono leggermente buffy. La polvere di spore è di colore giallo pallido.

Variabilità. Nei funghi giovani, i bordi del cappello sono lisci, con l'età diventano a coste. Il colore del cappuccio può essere rosso-arancio e sbiadire con l'età. La gamba è completamente bianca all'inizio e diventa rosata con l'età.

Somiglianza con altre specie. La russula palustre può essere confusa con l'emetico ardente (Russula emitica), che ha un gambo bianco e un gusto piccante pepato, un cappello rosso ardente e nessun altro colore al centro.

Metodi di cottura: marinare, cuocere, salare, friggere.

Commestibile, 3a categoria.

Russula marrone (Russula xerampelina).

Ad agosto, in molti luoghi umidi, compaiono russuli bruni dal gusto piccante pungente.

Habitat: in boschi umidi di pini, querce e misti, su suoli sabbiosi.

Stagione: Luglio - inizio novembre.

Il cappello ha un diametro di 4-12 cm, di colore rosso scuro o bruno-violaceo. La forma del cappuccio è prima convessa, poi prostrata o depressa. C'è un'area più scura depressa o concava al centro del cappuccio. I bordi diventano a coste rigate nel tempo. La superficie del cappuccio è dapprima leggermente viscida, poi asciutta, opaca. La pelle si stacca facilmente.

La gamba ha un diametro di 4-12 cm e uno spessore di 1-3 cm, uniforme, cilindrica, dapprima bianca, poi acquista una tinta rosa-rossastra, può presentare macchie rosa-violacee. La base del peduncolo è spesso ispessita. La gamba è quasi vuota.

La polpa è densa, fragile, bianca o cremosa, con l'età diventa bruno-giallastra o brunastra, vira al bruno alla rottura, che è una caratteristica distintiva della specie. Il sapore della polpa è gradevole, dolciastro-nocciola. L'odore, al contrario, è sgradevole, come un'aringa.

I piatti sono aderenti o sciolti, frequenti, di colore bianco crema, poi giallognolo, tendenti al bruno se pressati, 7-12 mm, fragili, arrotondati al bordo. Le spore sono buffy, la polvere di spore è pallida.

Variabilità. Il colore del cappuccio può variare dal rosso porpora al rosso bruno, oliva, a volte con una sfumatura verdastra o viola.

Somiglianza con altre specie. La russula marrone è simile alla russula commestibile del miele (Russula meliolens Quel), in cui il cappello è rosso o bruno-rossastro e non vi è area più scura al centro del cappello.

Metodi di cottura: marinare, cuocere, salare, friggere.

Commestibile, 3a categoria.

Russula bruna, forma rossastra (Russula xerampelina, f. Erythropes)

Habitat: in boschi umidi di pini, querce e misti, su suoli sabbiosi.

Stagione: Luglio - inizio novembre.

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, rosso scuro o rosso brunastro. La forma del cappuccio è prima convessa, poi prostrata o depressa. C'è una piccola area depressa al centro del cappuccio. I bordi diventano a coste rigate nel tempo. La superficie del cappuccio è dapprima leggermente viscida, poi asciutta, opaca. La pelle si stacca facilmente.

La gamba è alta 4-12 cm e spessa 7-20 mm, piatta, cilindrica. Una caratteristica distintiva della specie è il colore rosa-rosso della gamba. La base del peduncolo è spesso ispessita. La gamba è quasi vuota.

La polpa è densa, fragile, bianca o cremosa, diventa bruno-giallastra o brunastra con l'età, diventa marrone alla rottura, che è una caratteristica distintiva della specie. Il sapore della polpa è gradevole, dolciastro-nocciola. L'odore, al contrario, è sgradevole, come un'aringa.

I piatti sono aderenti o sciolti, frequenti, bianco crema con macchie rosate, che diventano marroni se pressati, 7-12 mm, fragili, arrotondati al bordo. Le spore sono buffy, la polvere di spore è pallida.

Variabilità. Il colore del cappello può variare dal rosso violaceo al rosso brunastro.

Somiglianza con altre specie. Questa specie è simile alla russula commestibile del miele (Russula meliolens Quel), che ha un cappello rosso o bruno-rossastro e non ha un'area più scura al centro del cappello.

Metodi di cottura: marinare, cuocere, salare, friggere.

Commestibile, 3a categoria.

Per qualche ragione, tra la maggioranza della popolazione del paese c'è un'opinione sulla commestibilità di tutta la russula. Infatti, questo non è il caso. Nella letteratura straniera, circa la metà dei russuli è immangiabile, nella letteratura di riferimento russa circa il 20% dei russuli non è commestibile, ad esempio, russula pungente, Myra e Valuiform sono immangiabili e ondulati e arrossati sono condizionatamente commestibili. Ci concentriamo su questo, poiché ci sono casi in cui anche gli istruttori di turismo consentono agli studenti o agli scolari di friggere leggermente la russula sul fuoco e mangiarli tutti indiscriminatamente. Comprendono la parola "russula" dal suo significato diretto. Sono noti gli sfortunati risultati di questo uso indiscriminato della russula. La maggior parte della russula rosso vivo in Europa è considerata non commestibile. Ciò non significa che vi crescano altre specie di russula. Loro sono la stessa cosa.Ciò significa che in Europa sono più attenti alle proprietà dell'accumulo dannoso a lungo termine delle proprietà derivanti dall'uso di questi funghi. Inoltre, sono riassicurati contro simili russule rosso vivo non commestibili e persino velenose. Ci fidiamo delle nostre normative sanitarie russe. Sono cambiati. Ora sono in vigore le norme sanitarie federali, le norme e gli standard igienici SP 2.3.4.009-93. Norme sanitarie per l'approvvigionamento, la lavorazione e la vendita dei funghi ".

Russula valuiforme (Russula farnipes).

Habitat: boschi di latifoglie e faggi crescono su terreni acidi. Una specie rara elencata nei Red Data Books regionali, stato - 3R (specie rare).

Stagione: Giugno - settembre.

Il cappello ha un diametro di 4-9 cm, a volte fino a 12 cm, liscio, in giovane età denso, appiccicoso, poi secco, carnoso sottile. Colore del cappuccio: ocra-arancio, ocra-giallastro, brunastro-giallastro o giallo opaco. Il centro del cappello è leggermente depresso e ha una colorazione più scura con un colore oliva chiaro. La forma del cappuccio è dapprima convessa, quindi vicina alla forma piatta o concava. Il bordo del cappuccio è inizialmente uniforme, ma con l'età diventa ondulato, spesso con un bordo a coste strappato. La pelle viene rimossa.

La gamba è spessa, alta 4-8 cm, diametro 8-20 mm, a volte eccentrica, ha esattamente lo stesso colore del cappuccio. La gamba è ristretta verso il basso e sopra è farinosa, in polvere.

La polpa è densa, biancastra, elastica, pungente, giallastra sotto la buccia, con un gradevole odore di fungo e un sapore pungente molto pungente.

I piatti sono bianchi, cremosi una volta asciutti. Sono frequenti e biforcuti, strettamente aderenti. Con l'età, i piatti diventano cremosi e sporchi e rilasciano gocce. Le controversie sono biancastre.

Variabilità. Il cappello è inizialmente biancastro-giallastro e la gamba è quasi bianca. Successivamente, il cappello diventa giallo paglierino con un colore oliva chiaro, a volte con un centro brunastro-giallastro.

Somiglianza con altre specie. Simile nel colore è la russula giallo chiaro (Russula clavoflava), che ha un cappello uniforme, senza oscuramento centrale, ed è a polpa spessa, frequenti, placche giallo chiaro, gambo bianco o grigiastro.

Commestibile condizionatamente a causa del gusto pungente pungente.

La russula di Belenovsky (Russula Velenovskyi).

Habitat: luoghi ben riscaldati nelle foreste miste e di conifere.

Stagione: Giugno - settembre.

Il cappello ha un diametro di 4-8 cm, a volte fino a 12. Una caratteristica distintiva della specie è un berretto emisferico convesso, irregolare, piccolo nodoso di colore rossastro uovo. Il centro del cappello è appiattito, a volte leggermente depresso e ha un'ombra più scura.

Il fusto è cilindrico o leggermente conico con estensione verso il basso, alto 4-10 cm, diametro 8-20 mm. Nei funghi giovani, la coscia è bianca, nei funghi maturi è rosata.

La polpa è densa, biancastra, elastica, con un gradevole odore di fungo.

Piatti. La seconda caratteristica distintiva della specie sono i piatti molto frequenti, che sono bianchi nei funghi giovani e leggermente rosati in quelli maturi.

Variabilità. Il colore del cappello varia dall'uovo all'arancio-rossastro.

Somiglianza con altre specie. La russula di Velenovsky dovrebbe essere distinta dalla russula velenosa e pungente (Russula emitica), che nei giovani esemplari ha una forma simile, ma differisce nel colore rosso sangue brillante del cappello.

Commestibile, 3a categoria.

Russula ondulata.

Habitat: foreste miste, crescono in gruppi su terreni acidi, soprattutto spesso sotto querce.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello ha un diametro di 4-9 cm, inizialmente convesso, successivamente esteso con un centro depresso, o piatto. Il colore del cappuccio è rosa-marrone o marrone-viola. Al centro del cappello c'è un'ombra brunastra più scura o macchie bruno-giallastre. Una caratteristica distintiva della specie sono i bordi ondulati. Inoltre, ci sono crepe sui bordi. La superficie è liscia e asciutta.

La gamba è alta 4-8 cm, spessa, 8-25 mm di diametro, corta, alla fine diventa clavata. Il colore della gamba è prima bianco, poi crema.

La polpa è bianca o grigia con un gusto pungente pungente. Le spore sono bianche.

I piatti sono bianchi, leggermente accresciuti, poi crema.

Variabilità. Il colore del cappello è variabile: rossastro, rosato, marrone ruggine, brunastro con sfumature violacee.

Somiglianza con altre specie. Simile è Russula turca (Russula turci), che può avere un simile colore bruno-violetto, ma si distingue per i bordi lisci, una superficie lucida del cappello e la presenza di un odore fruttato dei piatti.

Commestibilità: i funghi possono essere consumati dopo averli bolliti due volte con un cambio d'acqua per ammorbidire il sapore pungente. Utilizzato per preparare spezie piccanti.

Commestibile condizionatamente a causa del gusto pungente e pungente.

Maiden russula (Russula puellaris).

Habitat: le conifere, meno spesso nelle foreste decidue, crescono in gruppi e singolarmente.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello ha un diametro di 3-7 cm, dapprima convesso, poi convesso-prostrato e leggermente depresso con un bordo sottile a coste. Colore del cappuccio: grigio brunastro, marrone rossastro, mattone rossastro e grigio giallastro. Una caratteristica distintiva della specie è un colore marrone scuro o successivamente quasi nero al centro. La pelle è lucida, leggermente appiccicosa. Il cappello diventa giallo ocra con l'età e con la pressione.

La gamba è alta 3-6 cm e spessa 0,5-1,5 cm, cilindrica densa, leggermente allargata verso la base, dapprima solida con centro spugnoso, successivamente cava, fragile. Il colore delle zampe dei giovani funghi è quasi bianco, poi giallastro.

La polpa è sottile, friabile, friabile, biancastra, giallastra senza un odore particolare, diventa giallo ocra al taglio.

Piatti: sottile, aderente o quasi libero, prima bianco, poi giallo, giallo ocra, crema. Polvere di spore marrone chiaro.

Variabilità. I cappucci sui bordi possono cambiare colore da mattone rossastro a giallastro e al centro da marrone a nero.

Somiglianza con altre specie. La russula della ragazza somiglia un po 'a una russula commestibilefragile (Russula fragilis), che non ha un tale contrasto nei colori della parte centrale del cappuccio e dei bordi, ma ha una transizione graduale.

Metodi di cottura: fritto, in salamoia, salato.

Commestibile, 3a categoria.

Russula pungente (Russula emitica).

Habitat: nelle foreste e nelle paludi di latifoglie e di conifere.

Stagione: Luglio - ottobre.

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, inizialmente convesso, emisferico, successivamente prostrato e piatto, leggermente depresso al centro. La superficie dei funghi giovani è appiccicosa, poi diventa lucida e liscia con un bordo smussato a coste. Una caratteristica distintiva della specie è il colore rosso sangue, rosso o viola brillante del cappello. La pelle si separa facilmente dalla polpa del cappello.

Fusto alto 4-7 cm, spesso 8-20 mm, cilindrico negli esemplari giovani e clavato in quelli vecchi, con una fioritura. La gamba è bianca, fragile, rosata in alcuni punti.

La polpa è bianca, rosata sotto la pelle, densa, successivamente sciolta. La seconda caratteristica distintiva della specie è il sapore molto pungente della polpa quando punge la lingua, sebbene abbia un debole odore fruttato gradevole.

Le placche sono di media frequenza, larghe 0,5-0,8 cm, bianche, strettamente aderenti o libere, della stessa lunghezza. Nel tempo, i piatti diventano giallastri o crema chiara. La polvere di spore è bianca.

Variabilità. Il colore del cappuccio può cambiare colore dal rosso sangue al viola brunastro.

Somiglianza con altre specie. Esistono diversi tipi di russula rossastra: palustre (Russula paludosa), bella (Russula pulchella), alimentare (Russul vesca). La russula pungente può essere chiaramente identificata e distinta dal suo colore rosso più brillante e dal sapore pungente pungente.

Nella letteratura straniera, si riferisce a specie velenose, in alcune pubblicazioni domestiche - a commestibili condizionatamente.

Non commestibile a causa di un gusto pungente e pungente.

Russula giallo dorato (Russula lutea).

Habitat: foreste decidue e miste. La russula giallo oro è una specie rara e figura nei Red Data Books regionali.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello ha un diametro di 2-7 cm, a volte fino a 10 cm, dapprima emisferico, convesso, successivamente convesso-prostrato o piatto, carnoso, leggermente depresso con bordi lisci.Una caratteristica distintiva della specie è la presenza di un tubercolo negli esemplari giovani, una forma piatto-concava nei funghi maturi di colore giallo dorato o giallo-arancio. La superficie è opaca, asciutta.

La gamba è alta 4-8 cm, spessa 6-15 mm, cilindrica, si allarga alla base, uniforme, dapprima densa, liscia, bianca, poi vuota e rosata.

La polpa è densa, bianca, alla rottura, il colore non cambia, senza un odore e un gusto pronunciati.

Piatti di media frequenza, debolmente aderenti, dapprima bianchi, poi arancio-ocra.

Variabilità. Il colore del cappuccio può variare dal giallo-marrone al giallo-arancio brillante.

Somiglianza con altre specie commestibili.La russula giallo oro può essere confusa con la russula dorata (Russula aurata), che ha i bordi a costine e una forma emisferica tonda negli esemplari giovani.

La differenza dall'agarico di mosca velenoso giallo brillante (Amanita gemmata) con un colore del cappuccio simile è che l'agarico di mosca ha un ampio anello sulla gamba e una volva alla base.

Metodi di cottura: decapaggio, frittura, salatura.

Commestibile, 3a categoria.

Russula dorata (Russula aurata).

Habitat: boschi di latifoglie, principalmente querce e boschi misti. La russula golden è una specie rara ed è elencata nei Red Data Books regionali, lo stato è 3R.

Stagione: Luglio - ottobre.

Il cappello ha un diametro di 5-9 cm, dapprima emisferico, convesso, successivamente convesso-prostrato o piatto, carnoso, depresso, con bordi lisci o leggermente nervati. Ai bordi, il cappuccio è più leggero. Una caratteristica distintiva della specie è il colore giallo-arancio o giallo-rosso del cappello.

La gamba è alta 5-9 cm, spessa 7-18 mm, cilindrica, uniforme o leggermente ricurva, dapprima densa, liscia, lucida, dapprima bianca, poi giallo pallido o giallo brillante.

La polpa è bianca simile al cotone, sotto la pelle giallo-arancio.

I piatti sono rari, aderenti, color crema con un bordo giallo.

Variabilità. Nel tempo, il colore del cappuccio cambia da arancione chiaro a giallo-rosso.

Somiglianza con altre specie commestibili. La russula dorata può essere confusa con la russula giallo ocra (Russala claroflava), che è immangiabile e ha un cappello giallo ocra con una sfumatura verdastra.

La differenza dal velenoso fungo velenoso (Amanita phallioides) con un cappello color oliva è la presenza di un anello sulla gamba e una volva gonfia alla base del fungo pallido.

Metodi di cottura: frittura, decapaggio, salatura.

Commestibile, 3a categoria.

Rusula arrossamento falso (Russula fuscorubroides).

Habitat: foreste di abeti rossi e pini, che si trovano in gruppi o singolarmente.

Stagione: Luglio - ottobre.

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, a volte fino a 14 cm, dapprima emisferico, successivamente convesso e disteso, leggermente depresso al centro. La superficie è dapprima collosa, poi asciutta, vellutata, senza lucentezza, spesso con bordi screpolati. Una caratteristica distintiva della specie è il colore lilla-viola o marrone-marrone. I bordi possono essere scanalati.

La gamba è alta 4-9 cm e spessa 7-15 mm, cilindrica, bianca, leggermente rastremata verso l'alto. La seconda caratteristica distintiva della specie è il colore viola del gambo con scanalature rosso ruggine.

La polpa è di colore biancastro vinoso con odore fruttato e sapore amaro.

Le placche sono frequenti, strette, aderenti, arcuate, bianco-ocra.

Variabilità. Il colore del cappuccio sembra sbiadire nel tempo, sbiadisce e, oltre alle sfumature rossastre, compaiono sempre più sfumature di giallo.

Somiglianza con altre specie commestibili.La russula arrossante può essere confusa con la russula giallo ocra (Russala claroflava), anch'essa non commestibile e dal cappello giallo ocra con sfumature verdastre.

Condizionalmente commestibile a causa del loro gusto amaro e leggermente pungente. Utilizzato per preparare spezie piccanti. Il sapore pungente si ammorbidisce dopo l'ebollizione in 2-3 acque.

Russula azzurra, o blu (Russula azurea).

Habitat: foreste di abeti rossi e pini, che si trovano in gruppi o singolarmente. Una specie rara elencata nei Red Data Books regionali, status - 3R.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello ha un diametro di 4-8 cm, a volte fino a 10 cm, dapprima emisferico, successivamente convesso e disteso, leggermente depresso al centro. Una caratteristica distintiva della specie è la colorazione bluastra maculata irregolare del cappello.

La gamba è alta 4-9 cm e spessa 7-15 mm, cilindrica, bianca.

La polpa è biancastra senza alcun gusto o odore particolare. Le placche sono frequenti, strette, aderenti, arcuate, prima bianche, poi biancastre.

Variabilità. Il colore del cappuccio è irregolare e presenta macchie di tonalità blu e viola.

Somiglianza con altre specie commestibili. La russula azzurra si presenta come una buona russula blu-gialla commestibile (Russula cyanoxantha), che è di colore blu-giallo o lilla.

Somiglianza con specie velenose. Ci sono somiglianze con la forma verde del fungo velenoso pallido (Amanita phalloides, f. Gummosa), che ha un grande anello sulla gamba e una volva alla base.

Commestibile, 3a categoria.

Rene di Russula (Russula alutacea).

Habitat: foreste miste di querce e latifoglie, meno spesso nelle foreste di conifere, crescono singolarmente, ma più spesso in piccoli gruppi.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, a volte fino a 15 cm, dapprima emisferico, successivamente convesso e disteso, leggermente depresso al centro. Il cappuccio è inizialmente appiccicoso, successivamente opaco. Una caratteristica distintiva della specie è un berretto rosa-rosso con un centro giallo-marrone e un bordo finemente nodoso.

Gamba alta 4-8 cm e spessa 7-25 mm, cilindrica, leggermente ristretta alla base, densa, carnosa.

La polpa è densa, giallastra sotto la pelle, dapprima bianca, poi rossastra. La polpa ha un piacevole aroma fruttato e un piacevole sapore di nocciola.

I piatti sono di media frequenza, biancastri o crema, successivamente rosa-giallastri.

Variabilità. Il colore del cappello può variare dal rosso rosato al rosso vivo con un centro giallastro-oliva.

Somiglianza con altre specie commestibili. La russula è simile alla russula rosa (Russula rosea), che si distingue per un colore rosso rosato uniforme del cappello.

Somiglianza con specie velenose. C'è una somiglianza con l'agarico di mosca giallo brillante (Amanita gemmata), che si distingue per la presenza di un ampio anello sulla gamba e una Volvo alla base.

Commestibile, 3a categoria.

Russula viola (Russula lilaceae).

Habitat: foreste miste, specie rare.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, dapprima emisferico, poi convesso e prostrato, depresso al centro. La superficie è dapprima collosa, poi asciutta, leggermente lucida. Una caratteristica distintiva della specie è il colore rosa-lilla del cappello con un centro più chiaro.

Fusto alto 4-7 cm e spesso 7-20 mm, bianco, cilindrico o leggermente clavato.

La polpa è bianca.

I piatti sono molto frequenti, i colori. Le spore sono bianche.

Variabilità. Il colore del cappuccio può variare dal rosa lilla al marrone lilla.

Somiglianze con altre specie: russula di colore lilla sembra immangiabile russula pungente (Russula emitica), che si distingue per piatti color crema chiaro e un gambo rosato.

Commestibile, 4a categoria.

Russula Mairei.

Habitat: boschi misti e di conifere, cresce sia in gruppi che singolarmente.

Stagione: Luglio - settembre

Il cappello ha un diametro di 3-7 cm, a volte fino a 12 cm, dapprima emisferico, successivamente convesso e disteso, depresso al centro. La superficie è opaca, asciutta, diventa appiccicosa in caso di pioggia. Una caratteristica distintiva della specie è il suo colore scarlatto brillante. Il centro del cappuccio ha una tonalità più scura.

La gamba è alta 3-8 cm e spessa 0,7-1,5 cm, liscia, bianca, dapprima allargata alla base, successivamente cilindrica, ingiallisce con l'età o ha una tinta rosso-rosata

La polpa è densa, friabile, bianca. La seconda caratteristica distintiva della specie è l'odore del miele o delle noci di cocco nella polpa. Con l'età, l'odore diventa dolciastro.

I piatti sono spessi, bianchi, con una leggera sfumatura grigio-verde.

Variabilità. Con l'età, il principale colore scarlatto brillante sembra sbiadire e una tinta rosata appare per l'intera superficie e brunastra nel mezzo.

Somiglianza con altre specie commestibili.

La russula di Mayra può essere confusa con la russula palustre commestibile (Russula paludosa), in cui il cappello è rosso-arancio con un centro giallastro, il gambo è bianco con una sfumatura rosata e ha un sapore gradevole ed è quasi inodore.

Velenoso per il suo gusto fortemente amaro e piccante. I funghi, se bolliti una volta, provocano nausea.

Russula olivastra (Russula olivaceae).

Habitat: boschi misti e di conifere, cresce sia in gruppi che singolarmente.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, a volte fino a 15 cm, dapprima emisferico, poi convesso e prostrato, depresso al centro. La superficie è opaca, asciutta, diventa appiccicosa in caso di pioggia. Una caratteristica distintiva della specie è un cappello rosa oliva o marrone oliva con un centro più scuro. I bordi del cappuccio hanno bordi a coste e sono di colore più chiaro.

La gamba è alta 4-8 cm e spessa 7-20 mm, liscia, bianca, dapprima clavicola e di forma densa, successivamente cilindrica, leggermente ingiallita con l'età.

La polpa è densa, carnosa, dapprima bianca, poi giallastra, diventa marrone sul taglio, senza un odore particolare.

Variabilità. Il colore del cappello varia dal rosa oliva al marrone oliva.

Le placche sono frequenti, fragili, aderenti al dente, dapprima bianche, poi giallastre.

Somiglianza con altre specie. La russula olivastra è simile alla russula giallo buffy, convenzionalmente commestibile dal sapore pepato (Russula ochroleuca), in cui il cappello è giallo ocra.

La differenza dall'agarico di mosca velenoso giallo brillante (Amanita gemmata), simile nell'ombra, è che l'agarico di mosca ha un ampio anello sulla gamba e una volva biancastra alla base.

Metodi di cottura: fare zuppe, stufare, friggere, sale.

Commestibile, 3a categoria.

Russula bruno violacea (Russula badia).

Habitat: foreste di conifere e latifoglie impregnate d'acqua, crescono in gruppi o singolarmente.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, a volte fino a 12 cm, dapprima emisferico, poi leggermente convesso con bordi pendenti, con bordo ondulato, a volte frastagliato. La superficie è leggermente appiccicosa con tempo umido, asciutta in altre condizioni atmosferiche. Una caratteristica distintiva della specie è il colore viola-marrone del cappello. La zona centrale del cappuccio ha una tonalità bordeaux più scura.

Fusto alto 4-10 cm e spesso 8-20 mm, cilindrico, denso, leggermente allargato verso la base.

La polpa è bianca, con un piacevole gusto morbido, non piccante.

I piatti negli esemplari giovani sono bianchi, successivamente con una sfumatura giallastra-rosata. Polvere di spore, crema.

Variabilità. Il colore del cappello è variabile: dal marrone violaceo al bordeaux.

Somiglianza con altre specie. La russula bruno-porpora può essere confusa con la russula pungente-pungente non commestibile (Russula emitica), che ha un cappello rosso, rosa-rosso o viola su tutta l'area, la gamba è rosata in alcuni punti, la carne è bianca, rosata sotto la pelle dal sapore molto pungente.

Metodi di utilizzo: decapaggio, salatura, frittura

Commestibile, 4a categoria.

Russula blu-gialla (Russula cyanoxantha).

Habitat: boschi di pini, betulle e misti, in gruppo o singolarmente.

Stagione: Giugno - ottobre.

Il cappello ha un diametro di 5-15 cm, prima convesso, emisferico, poi prostrato, quasi piatto con un centro concavo, fermo e spesso. Una caratteristica distintiva della specie è il colore principale blu-giallo, blu-verde, lilla. Negli esemplari giovani, la pelle è appiccicosa, negli esemplari vecchi è secca, spesso rugosa, radialmente fibrosa con un bordo sottile a coste. La buccia viene rimossa sulla maggior parte del cappuccio.

Gamba alta 5-11 cm, spessa 1-3 cm, cilindrica, bianca, con macchie rossastre, dapprima densa, poi vuota, liscia, bianca.

La polpa è bianca, viola-rossastra sotto la pelle, forte, simile al cotone nel gambo, con un leggero sapore di fungo, senza un odore particolare.

I piatti sono larghi 0,5-1 cm, frequenti, aderenti, flessibili, talvolta ramificati biforcuti, setosi, bianchi o bianco crema. La polvere di spore è bianca.

Variabilità. Questa specie è caratterizzata da una forte varietà di colori e zone di colore.Il cappello si arricchisce nel tempo di toni di viola, grigio, marrone, insieme ai principali blu-giallo e blu-verde.

Somiglianza con altre specie. La russula blu-gialla può essere confusa con la russula fragile (Russula fragilis), in cui il cappello è marrone-lilla, rosso porpora, il gambo è a forma di mazza, i piatti sono bianco-crema, la polpa è friabile, con un sapore pungente e amaro.

Metodi di cottura: questa tipologia è una delle più prelibate tra le russule, sono in salamoia, salate, fritte, messe nelle zuppe.

Commestibile, 3a categoria.

Russula turca (Russula turci).

Habitat: boschi di pino, abete rosso e misti, crescono in gruppi o singolarmente.

Stagione: Luglio - ottobre.

Un cappello con un diametro di 5-15 cm, prima convesso, emisferico, poi prostrato, quasi piatto con un centro concavo. In caso di pioggia, la superficie è appiccicosa, in altre condizioni atmosferiche è asciutta e al tatto. Una caratteristica distintiva della specie è un colore rosso vino o marrone-ruggine. Al centro, il cappuccio ha sfumature scure di marrone e nero.

La gamba è lunga 5-12 cm, spessa 1-2,5 cm, è bianca, clavata, e ha alla base odore di iodoformio.

La polpa è friabile, bianca.

I piatti sono rari, aderenti, dapprima bianchi, e man mano che maturano si presentano buffi con un odore fruttato.

Variabilità. Il colore del cappello varia dal marrone o bruno vino al mattone sporco o al bruno rossastro.

Somiglianza con altre specie commestibili.La russula turca può essere confusa con la russula alimentare (Russula vesca), in cui il cappello è più chiaro: marrone chiaro con una sfumatura marrone, la gamba è biancastra con macchie arrugginite e la polpa è quasi inodore.

Metodi di cottura: decapaggio, salatura, frittura.

Commestibile, 4a categoria.

Volnushki

I Volnushki, proprio come gli altri lattai, vengono prima inzuppati e poi fanno gli spazi vuoti. Con una buona salamoia e spezie si ottengono funghi deliziosi e croccanti.

Volna bianco (Lactarius pubescens).

Habitat: boschi di latifoglie e misti, nei prati, vicino a strade di campagna, crescono in gruppi o singolarmente.

Stagione: Luglio - settembre.

Un cappello con un diametro di 3-7 cm, inizialmente convesso, successivamente esteso, piatto, concavo al centro. Una caratteristica distintiva della specie è un bordo soffice fortemente arricciato verso il basso, una superficie soffice-setosa e un colore del cappello bianco o bianco crema, fulvo-rosato nel mezzo. Non ci sono cerchi concentrici o sono molto poco visibili.

Gamba alta 3-6 cm, spessore 7-20 mm, cilindrica, pubescente fine, bianca o leggermente rosata.

La polpa è bianca, rosata sotto la pelle. Il succo di latte è bianco, acre, non cambia colore nell'aria.

Le placche sono aderenti o debolmente discendenti lungo il fusto, frequenti, strette, fulvo chiaro, bianche o cremose-rosate. Polvere di spore, crema.

Variabilità. Il colore del cappuccio può variare dal bianco al grigio o crema.

Metodi di cottura: salatura dopo il pretrattamento mediante bollitura o ammollo.

Commestibile, 4a categoria.

Onda rosa (Lactarius torminosus).

Habitat: boschi di pini e misti con predominanza di pini, che crescono in giovani piantagioni in gruppi.

Stagione: Settembre - novembre.

Un cappello con un diametro di 4-12 cm, a volte fino a 15 cm, inizialmente convesso, prostrato con l'età. Leggermente concavo al centro. Una caratteristica distintiva della specie è la superficie lanoso-fibrosa e i bordi soffici fortemente curvi, nonché il colore rosa-rossastro del cappello con zone concentriche chiaramente espresse.

La zampa è alta 4-8 cm, spessa 0,7-2 cm, cilindrica, dapprima solida e finemente pubescente, poi cava e olivastra, nei funghi giovani con anello mucoso, che poi scompare, anche o ristretto verso il basso.

La polpa è bianca, a volte giallastra, friabile, rosata al cappello, più scura al gambo. Durante una pausa, il colore non cambia, con un odore leggermente resinoso. La linfa lattiginosa è abbondante, bianca, non cambia colore, brucia, pungente.

Piatti 0,3-0,4 cm, arcuati, discendenti o accumulati, spessi, radi, cerosi, giallastri o giallo chiaro. La polvere di spore è bianca.

Specie simili. Il lupo rosa è simile alla delicatezza camelina (Lactarius deliciosus), che ha un colore simile: giallo-arancio con una sfumatura verdastra, ma non c'è tale pelosità e superficie setosa. Inoltre, nella camelina, la carne sul taglio diventa verdastra.

Metodi di cottura: salatura dopo il pretrattamento mediante bollitura o ammollo.

Commestibile, 4a categoria.

Quali altri funghi crescono ad agosto

Euforbia

Asclepiade dai colori vivaci, proprio come gli altri lattai, vengono prima inzuppate e poi fanno spazi vuoti. Con una buona salamoia e spezie si ottengono funghi deliziosi e croccanti.

Euforbia o euforbia (Lactarius volemus).

Habitat: foreste miste e decidue, crescono in gruppi o singolarmente.

Stagione: Agosto - ottobre.

Il cappello ha un diametro di 4-12 cm, a volte fino a 20 cm, dapprima è convesso con i bordi piegati verso il basso e una piccola depressione al centro, successivamente prostrato con un centro depresso, carnoso, ricoperto da un sottile rivestimento peloso , liscia, ma a volte screpolata. Una caratteristica distintiva della specie è un colore arancio-marrone brillante, rosso-marrone, bruno-rossastro del cappello e delle zampe e delle placche giallastre. I bordi sono curvi verso il basso e più chiari.

La gamba è alta 4-12 cm, spessa 1-3 cm, più leggera del cappello, cilindrica, uniforme, densa, monocolore con cappuccio, con l'età la gamba diventa vuota. Nella parte superiore la gamba è più leggera.

La polpa è bianca, densa, diventa marrone alla rottura. La seconda caratteristica distintiva della specie è l'abbondante linfa lattiginosa bianca, che diventa marrone nell'aria. Il sapore è gradevole, ha l'odore di granchi o aringhe, i funghi vecchi hanno un sapore e un odore sgradevoli.

Le placche sono larghe 0,4-0,7 cm, frequenti, sottili, aderenti al gambo o discendenti lungo di esso, giallastre o biancastre, brunastre nei funghi vecchi, e diventano marroni al tatto e con l'età. Le spore sono verrucose, ocra chiaro. Polvere di spore, ocra chiaro.

Somiglianza con altre specie. L'euforbia è confusa con l'asclepiade neutra (Lactarius quietus), che è commestibile condizionatamente ed è molto inferiore al gusto di euforbia. Il latte neutro ha un colore della linfa lattiginosa, giallastra, non bianca, che non cambia colore nell'aria e non ha odore di aringa.

Metodi di cottura. Un fungo prelibato che viene essiccato, fritto, in salamoia, sotto sale, ma solo esemplari giovani.

Commestibile, 3a categoria.

Fungo polacco (Boletus badius).

I funghi polacchi sono ampiamente rappresentati nelle zone forestali della Russia. Spesso i raccoglitori di funghi li classificano come funghi porcini o porcini. Dal punto di vista dell'utilità e del gusto, la differenza è piccola. I funghi polacchi crescono vicino ai sentieri forestali, al confine delle zone forestali e al confine di alberi e prati.

Habitat: cresce nelle foreste di conifere e miste, principalmente su terreni acidi, ma sono presenti alla base di tronchi e ceppi.

Stagione: Luglio - settembre.

Il cappello è convesso, 5-12 cm, ma a volte fino a 18. Una caratteristica distintiva della specie è la superficie liscia, oleosa, coriacea del cappello, marrone castagna, marrone scuro, marrone brunastro. La superficie è appiccicosa, viscida, soprattutto in caso di pioggia. Il bordo del cappuccio è uniforme.

La gamba è densa, cilindrica o stretta alla base, o leggermente gonfia, alta 5-10 cm, spessa 1-4 cm La gamba è liscia, marrone chiaro, senza reticolo, generalmente più chiara del cappello.

La polpa è bianca o giallo pallido, diventa blu alla rottura. Polvere di spore marrone-oliva.

Strato tubolare, aderente o quasi libero a maturità, in ritardo rispetto al fusto. La superficie dello strato tubolare con pori di media grandezza è di colore giallo chiaro o grigio-giallo; quando viene pressato, diventa gradualmente blu-verde.

Variabilità: il cappello diventa con il tempo asciutto e vellutato, e il colore del cappello cambia dal marrone al cioccolato e al marrone scuro. Man mano che il fungo matura, la pelle del cappello può restringersi, esponendo i tubuli circostanti. Il colore dello stelo varia dal marrone chiaro e dal giallo-marrone al bruno-rossastro.

Non ci sono controparti velenose. Il fungo polacco è simile al piatto di burro granulare commestibile (Suillus granulatus), caratterizzato da un cappello appiccicoso con una tinta giallo-arancio più chiara.

La proprietà dell'accumulo di sostanze nocive: questa specie ha la proprietà di un forte accumulo di metalli pesanti, pertanto, le condizioni per la raccolta dei funghi dovrebbero essere rigorosamente osservate in un'area non più vicina di 500 metri dalle autostrade e dalle imprese chimiche.

Metodi di cottura: si preparano zuppe essiccate, in scatola, in umido.

Commestibile, 2a categoria.

Fungo di castagno (Gyroporus kastaneus).

Il fungo di castagno è molto meno comune del fungo polacco ed è elencato nel Libro rosso in un certo numero di regioni. Sono anche tubolari e hanno il sapore dei funghi porcini giovani. Crescono anche vicino ai sentieri forestali, non lontano dalle radici di abete rosso e betulla.

Habitat: cresce nelle foreste decidue decidue e miste, spesso su terreno sabbioso accanto a querce. I funghi sono elencati nel Red Data Book della Federazione Russa e nei Red Data Book regionali. Stato - 3R (specie rara).

Stagione: fine giugno - fine settembre.

Il cappello è convesso di 4-10 cm, ha una superficie liscia e vellutata di colore arancio-marrone, castano, bruno-rossastro. Il bordo del cappuccio è uniforme. Nel tempo, il cappuccio diventa piatto e i bordi possono sollevarsi verso l'alto.

La gamba è cilindrica, arancio chiaro, alta 5-8 cm, spessa 1-3 cm, la gamba è vuota all'interno.

La polpa è giallastra, con un gradevole gusto e odore di nocciola.

Strato tubolare, aderente o quasi libero a maturità, in ritardo rispetto al fusto. La superficie dello strato tubolare con pori di media grandezza è di colore giallo chiaro o grigio-giallo; quando viene pressato, diventa gradualmente blu-verde.

Variabilità: col tempo il cappello diventa secco e vellutato, e il colore del cappello cambia da castano a marrone scuro. Man mano che il fungo matura, la pelle del cappello può restringersi, esponendo i tubuli circostanti. Il colore dello stelo varia dal marrone chiaro e dal giallo-marrone al bruno-rossastro.

Non ci sono controparti velenose. Il fungo di castagno è simile al fungo polacco (Boletus badius), che ha un cappello liscio e oleoso, piuttosto che vellutato.

Metodi di cottura. Sebbene il fungo sia commestibile, poiché è elencato nel Libro rosso, la sua raccolta è vietata e necessita di protezione.

Commestibile, 2a categoria.

Livido (Gyroporus cyanescens).

I lividi dei funghi sono nettamente diversi da tutti gli altri. Diventano rapidamente blu in caso di taglio o rottura. Ciò indica un alto contenuto di composti di ferro, che è vantaggioso per alcuni pazienti. Nella parte centroeuropea della Russia, crescono nelle radure di felci accanto a foreste miste. Sono molto piacevoli e teneri al gusto.

Habitat: cresce nelle foreste miste e decidue. Il livido è elencato nei Red Data Books regionali, lo stato è 3R (specie rara).

Stagione: Giugno - ottobre.

Un cappello con un diametro di 3-8 cm, ma a volte fino a 10 cm, emisferico. Una caratteristica distintiva della specie è una superficie morbida e vellutata sottile, un cappello giallo-rosa o rosa crema con macchie bluette nei punti danneggiati.

Il gambo è sottile, giallo, liscio, friabile, spesso con cavità, alto 4-9 cm, spesso 10-25 mm, dello stesso colore del cappello. La base della gamba è leggermente ispessita e leggermente appuntita all'estremità.

La polpa è friabile, bianca cremosa con un sapore di nocciola. La seconda caratteristica distintiva della specie è il colore blu fiordaliso o bluastro della carne su un taglio o una rottura.

I pori dello strato tubolare sono chiaramente visibili. I tubuli sono aderenti, discendenti, alti 0,3-1 cm, di colore giallo o giallo oliva con grandi pori angolari di colore verde oliva.

L'imenoforo è aderente, il colore può essere bianco o giallo paglierino.

Variabilità. Il colore può variare dal fulvo giallastro al rosato cremoso.

Non ci sono controparti velenose. Esternamente, l'oliatore bianco (Suillus placidus) è simile, che, sebbene il colore del cappello e delle zampe sia simile, ma non appare blu o blu fiordaliso su una rottura o un taglio.

Metodi di cottura. Sebbene il fungo sia commestibile e abbia un piacevole sapore di nocciola, a causa della sua rarità e inclusione nel Libro rosso, è soggetto a protezione e protezione.

Commestibile, 3a categoria.

Fungo al pepe (Chalciporus piperatus).

Habitat: nelle foreste secche di conifere e miste. Forma micorriza con specie decidue. Cresce singolarmente o in gruppo.

Stagione: Luglio - ottobre.

Cappello di 3-8 cm di diametro. Una caratteristica distintiva della specie è il colore rosso rame o ruggine scuro del cappello. La sua forma è tonda-convessa, quindi convessa-protesa o quasi piatta. La superficie è asciutta, leggermente vellutata. In caso di pioggia, il cappello è viscido, asciutto, lucido.

La gamba è lunga 4-8 cm, spessa 0,7-1,5 cm, è liscia, cilindrica, solida, spesso ricurva e può essere leggermente ristretta dal basso. La seconda caratteristica distintiva della specie è che il colore della gamba è insolito come quello del cappello.

La polpa è friabile, giallo zolfo, quando pressata assume una tinta bluastra. Il sapore è molto piccante, pepato, l'odore è debole.

Uno strato tubolare aderisce al peduncolo e lo percorre leggermente. I tubuli sono dello stesso colore del cappello e quando vengono toccati diventano marroni sporchi. I pori sono irregolari, grandi e spigolosi. La polvere di spore è di colore giallo-marrone.

Non ci sono controparti velenose. Il fungo al pepe è simile per forma e colore alla capra commestibile (bovini Suillus), che ha una polpa rosata, inodore e insapore.

Commestibile condizionatamente, poiché hanno un sapore piccante pepato, che diminuisce quando vengono bolliti in 2-3 acque, viene utilizzato solo per condimenti caldi.

Gladysh, o lactarius comune (Lactarius trivialis).

Habitat: foreste umide di latifoglie e di conifere, il più delle volte crescono in gruppi.

Stagione: Agosto - ottobre

Il cappello ha un diametro di 5-15 cm, a volte fino a 25 cm, carnoso, liscio, viscido, convesso, con bordi nettamente rivolti verso il basso e con una depressione al centro, successivamente piatta oa forma di imbuto. Una caratteristica distintiva della specie è un cappello appiccicoso, grigio piombo, sfumato di viola, successivamente grigio-giallo, bruno-rossastro, bruno-rossastro con o senza cerchi concentrici appena percettibili.

La gamba è lunga 6-9 cm, spessa 1-3 cm, densa, vuota, liscia, appiccicosa, giallastra o dello stesso colore con un cappello.

La polpa è bianca o leggermente cremosa, molto fragile, morbida, diventa gialla o marrone nell'aria, con un succo lattiginoso bianco molto amaro che ha un odore di aringa. La linfa lattiginosa appare abbondante anche con una leggera incisione del fungo e si solidifica rapidamente sotto forma di goccioline grigio-verdi.

Le placche sono frequenti, discendenti lungo il fusto o aderenti, giallastre o giallo chiaro, alla fine diventano crema rosato, poi brunastre con macchie rugginose.

Specie simili. Gladysh è simile al lactarius marrone (Lactarius lignyotus). In cui il cappello è marrone-brunastro o marrone-giallastro, la gamba è marrone chiaro, marrone scuro. La carne sul taglio acquisisce una tinta rosata e non c'è un forte odore di aringa.

Metodi di cottura: salatura dopo il pretrattamento mediante bollitura o ammollo; nella salatura diventano di colore giallo brillante.

Commestibile, 4a categoria.

Il webcap è giallo o trionfale (Cortinarius triuphans).

La famiglia delle ragnatele ha il maggior numero di specie. Tra questi, pochi sono commestibili. Quindi, le ragnatele gialle, o quelle trionfali, che crescono nelle radure della foresta di fronte ai corpi idrici, sono commestibili.

Habitat: le conifere, miste a boschi di betulle e querce, in luoghi luminosi, nell'erba, sul suolo della foresta, crescono in piccoli gruppi o singolarmente. Una specie rara, elencata nel Libro rosso in un certo numero di regioni della Russia, status - 3R.

Stagione: Agosto - ottobre.

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, a volte fino a 15 cm, dapprima emisferico, successivamente convesso-teso. Una caratteristica distintiva della specie è un berretto giallo ocra brillante o giallo miele e una gamba giallastra con cinture di grandi dimensioni. Ci sono i resti di un copriletto sui bordi del cappuccio. La parte centrale del cappuccio è più scura, di colore marrone e i bordi, al contrario, sono più chiari.

La gamba ha un'altezza di 5-14 cm e uno spessore di 1-2,5 cm, dapprima è spessa e tuberosa con bande membranose giallo scuro o brunastre ben visibili, successivamente cilindrica con un leggero ispessimento, giallastra, sulla anello fibroso visibile dal copriletto,e nel mezzo e vicino alla base con diverse cinture gialle ocra spaventose e larghe squamose.

La polpa è leggera, cremosa giallastra, densa, con un gradevole odore di fungo e un sapore amaro.

I piatti, aderenti, frequenti, larghi, dapprima grigiastri con una tinta bluastra, poi ocra chiaro e ocra rugginosa con un bordo chiaro.

Variabilità. Il colore del cappello varia dal giallo ocra al brunastro.

Specie simili. La gustosa ragnatela commestibile è gialla, o trionfante, nel colore del cappello è simile al non commestibile webcap (Cortinarius anserinus), che ha un caratteristico profumo di prugna.

Metodi di cottura. I funghi più deliziosi tra le ragnatele, sono bolliti, in scatola, pre-bolliti in 2 acque per eliminare l'amarezza.

Commestibile, 3a categoria.

Scarabeo stercorario comune (Coprinus cinereus).

Gli scarabei stercorari differiscono dagli altri funghi nella loro capacità di diventare rapidamente neri. La maggior parte delle specie di scarabei stercorari sono commestibili, ma solo in tenera età quando sono forti. Una volta raccolte, devono essere cotte entro una o due ore. Sono deliziosi e teneri.

Proprietà medicinali:

  • Nello scarabeo stercorario è stata trovata una sostanza che provoca forti sensazioni spiacevoli quando si beve alcolici. Questa sostanza è tossica, insolubile in acqua, ma solubile in alcool. Di conseguenza, quando si beve alcol e scarabei stercorari, si verificano avvelenamento, nausea, vomito, battito cardiaco accelerato e pesante, arrossamento della pelle. Questi fenomeni di solito scompaiono nel tempo. Tuttavia, se ripeti di bere alcolici, tutti i sintomi si ripetono con ancora maggiore forza. Gli scarabei stercorari sono usati per trattare l'alcolismo. Per questi scopi vengono utilizzati funghi giovani.

Habitat: su terreno concimato, in giardini, parchi, pascoli, prati, cresce generalmente in gruppi.

Stagione: Agosto - ottobre.

Il cappello ha un diametro di 2-6 cm, dapprima è a forma di campana, poi allargato. Una caratteristica distintiva della specie è la forma a campana ovoidale del cappello di colore grigio o grigio-grigio con una corona brunastra e la superficie è ricoperta da una fioritura di feltro bianco. Lo stato del fungo cambia drasticamente nel tempo: i bordi si incrinano e si trasformano in una tonalità più scura, l'intero fungo diventa giallo e poi si scurisce e si diffonde.

Gamba alta 2-8 cm, spessa 2-6 mm, lunga, fibrosa, biancastra, vuota all'interno. La base dello stelo è leggermente ispessita.

La polpa è dapprima bianca, poi grigia, tenera, senza odore e sapore caratteristici.

I piatti sono frequenti, liberi, dapprima bianco-grigio, poi giallo-grigio, e infine completamente neri.

Variabilità. Il colore, la forma e il carattere del cappello cambiano bruscamente, dapprima è di colore grigio a campana, successivamente è convesso-prostrato, giallastro e alla fine dello sviluppo è prostrato, di colore giallo-bruno, con fessure e bordi più scuri.

Specie simili. Lo scarabeo stercorario comune è simile allo scarabeo stercorario luccicante (Coprinus micaceus), che differisce nel colore del cappello - con una pronunciata sfumatura marrone-giallastra.

Commestibilità: solo i funghi giovani sono commestibili, che possono essere conservati per 2-3 ore, dopodiché sono inutilizzabili.

Commestibile, 4a categoria.

Funghi di agosto non commestibili

Riga grigio-marrone o argiraceum (Tricholoma argyraceum)

La maggior parte dei filari che crescono in agosto non sono commestibili. Le file grigio-marroni crescono su piccole alture nelle foreste miste.

Habitat: boschi di latifoglie e di conifere con pini e faggi, crescono in piccoli gruppi o singolarmente.

Stagione: Luglio - novembre.

Il cappello ha un diametro da 3 a 8 cm, dapprima fortemente convesso, successivamente convesso e convesso-allungato. Una caratteristica distintiva della specie è un cappuccio fibroso radiale squamoso ai bordi, simile a una superficie di feltro grigio-marrone con una sfumatura viola.

La gamba è alta 3-7 cm e spessa 6-14 mm, cilindrica, spesso ricurva, densa, inizialmente biancastra, poi cremosa, giallastra alla base.

La polpa è tenera, fragile, biancastra con un odore debole.

Le placche sono di media frequenza, dentellate attaccate o aderenti al peduncolo, dapprima color crema, poi grigio crema, talvolta con sfumature violacee.

Variabilità: il colore del cappuccio varia dal grigio al grigio-marrone.

Somiglianza con altre specie. La fila grigio-marrone è simile alla fila terrosa (Tricholoma terreum), che si distingue per un berretto grigio uniformemente colorato.

Immangiabile a causa del gusto sgradevole.

Fly agarico

L'amanita è bianca o puzzolente (Amanita virosa).

Habitat: foreste di conifere e latifoglie, crescono in gruppi o singolarmente.

Stagione: Luglio - novembre.

Descrizione della specie.

Il cappello ha un diametro di 5-12 cm, dapprima emisferico oa campana, successivamente convesso. Caratteristica distintiva della specie è un cappello liscio bianco lucido o avorio e lo stesso colore del piatto indipendentemente dall'età, oltre alla presenza di un'ampia volva bianca, immersa nel terreno alla base. Il cappello è solitamente coperto con i resti del copriletto.

La gamba è lunga, alta 6-20 cm, spessa 8-20 mm, bianca, con un fiore farinoso. Solo i giovani esemplari hanno un anello su una gamba, quindi scompare. La volva bianca nel terreno ha dimensioni fino a 3 cm, ma non può essere estratta insieme al fungo.

Polpa: bianco, morbido con un odore sgradevole, per il quale la specie era chiamata puzzolente.

I piatti sono sciolti, frequenti, morbidi, bianchi.

Variabilità. Il colore del cappuccio cambia poco: dal bianco puro all'avorio.

Specie simili. È necessario prestare particolare attenzione quando si raccolgono buoni funghi commestibili: funghi prataioli (Agaricus campestris), spore grandi (Agaricus macrosporus), funghi prataioli (Agaricus arvensis). Tutti questi funghi in tenera età hanno piatti leggeri con una leggera sfumatura giallastra o leggermente rosata e cappucci chiari. A questa età, possono essere confusi con i mortali agarichi velenosi, bianchi o puzzolenti. Dovresti annusare attentamente i funghi, poiché l'agarico di mosca ha un odore sgradevole, questa è la principale differenza per una giovane età. In età adulta, in tutti questi funghi, i piatti acquisiscono un colore di marrone chiaro, rosa, brunastro e nell'agarico di mosca rimangono bianchi.

Velenoso mortale!

Amanita muscaria (Amanita citrina).

Habitat: foreste di conifere e latifoglie, su suoli acidi, crescono sia in gruppi che singolarmente.

Stagione: Luglio - ottobre.

Descrizione della specie.

Il cappello ha un diametro di 4-10 cm, dapprima sferico, poi convesso. Una caratteristica distintiva della specie è un cappello giallastro-verdastro con grandi punti luminosi dalle squame, nonché uno stelo liscio con un grande anello e un ispessimento alla base, circondato da una volva. Ci sono resti del copriletto ai bordi.

La gamba è lunga, alta 4-10 cm, spessa 7-20 mm, bianca o giallastra, con una fioritura farinosa. Sulla gamba della parte superiore c'è un grande anello appeso dello stesso colore del cappuccio, o biancastro. Sotto, la gamba è tuberosa allargata e si trova in una volva biancastra.

Polpa: bianco, con odore di patate crude.

I piatti sono sciolti, frequenti, morbidi, bianchi o giallastri.

Variabilità. Il colore del cappello cambia poco: dal verde giallastro al verdastro-bluastro e all'avorio.

Specie simili. È necessario prestare particolare attenzione quando si raccolgono buoni funghi commestibili: funghi prataioli (Agaricus campestris), spore grandi (Agaricus macrosporus), funghi prataioli (Agaricus arvensis). Tutti questi funghi in tenera età hanno piatti leggeri con una leggera sfumatura giallastra o leggermente rosata e cappucci chiari.

A questa età, possono essere confusi con il micidiale velenoso fungo velenoso dell'agarico. Dovresti annusare attentamente i funghi, poiché l'agarico di mosca odora di patate crude, questa è la principale differenza per una giovane età. In età adulta, in tutti questi funghi, i piatti acquisiscono un colore di marrone chiaro, rosa, brunastro e nell'agarico di mosca rimangono bianchi.

Velenoso.

Mycena adonis o viola (Mycena adonis).

L'accumulo di micene è un presagio della stagione dei funghi. Se ce ne sono molti, se i ceppi sono coperti con loro, allora questo è un chiaro segno che ci saranno molti funghi buoni e preziosi.Questi funghi piccoli, non commestibili e allucinogeni sono molto diversi. Un gambo sottile e un cappello sottile sono caratteristiche comuni.

Habitat: nei luoghi umidi, tra il muschio, crescono in gruppi.

Stagione: Luglio - ottobre.

Descrizione della specie.

Il cappello ha un diametro di 1-1,5 cm, prima a forma di campana, poi convesso. Una caratteristica distintiva della specie è un cappello molto bitorzoluto al centro, rosso-marrone, rosa corallo, giallo-marrone o viola, con un bordo crema rosato più chiaro solcato e striato.

La gamba è sottile, alta 4-7 cm, spessa 1-2 mm, cilindrica, liscia, ha un colore bianco-crema sopra e brunastra sotto.

La polpa è sottile, leggermente cremosa.

Le placche sono di media frequenza, strette, dapprima accese, successivamente dentellate-accese, larghe, biancastre con una tinta carnosa, a volte cremosa rosata.

Variabilità: il colore del cappello al centro varia dal marrone rosato al viola e intorno ai bordi dal crema al rosato. Il bordo solcato è di colore più chiaro e si piega nel tempo.

Specie simili. Mycena adonis ha una forma simile a mycena Abramsii, che si distingue per un cappello più chiaro, rosa-giallastro e più grande.

Commestibilità: l'odore sgradevole è difficilmente mitigato dal decotto in 2-3 acque, per questo motivo non si mangiano.

Immangiabile.

Scaglie spinose (Pholiota shaggy).

Questi funghi di agosto sono molto ampiamente rappresentati nelle foreste miste. Sono per lo più non commestibili e crescono su ceppi e alberi caduti, meno spesso sulle radici.

Habitat: su tronchi in decomposizione di alberi decidui, di solito crescono in gruppi.

Stagione: Agosto - ottobre.

Descrizione della specie.

Il cappello ha un diametro di 3-12 cm, prima convesso, poi convesso-disteso. Una caratteristica distintiva della specie è un cappello di paglia beige chiaro o chiaro con spine appuntite marrone chiaro. I bordi del cappuccio si rompono nel tempo.

La gamba è alta 3-10 cm e spessa 5-12 mm. La gamba è dapprima bianca, poi cremosa, e alla base è brunastra con squame.

Polpa: prima bianco, poi crema chiaro.

I piatti sono frequenti, dapprima aderenti e biancastri, successivamente dentellati e cremosi con una sfumatura rosata.

Variabilità. Il colore del cappuccio cambia con la crescita dal beige chiaro al marrone chiaro.

Specie simili. La scala spinosa è simile alla scala lanosa, o comune (Pholiota squarrosa), che si distingue per il colore bruno-rossastro del cappello.

Immangiabile.

messaggi recenti